Chatta ora con noi per chiederci tutto su Pompe, Valvole, Flussimetri, Eiettori, Raccordi e molto di più. Prova ora!

Tag Archives: Valvole

Lo stampaggio di componenti industriali in plastica

valvole a sfera in pvdf, pvc e pp c200 stubbe

La qualità dei componenti industriali è legata alla progettazione, ma anche al processo di produzione. Lo stampaggio a iniezione è una tecnologia molto interessante con la quale vengono prodotte valvole e flange ASV Stubbe.

Il trattamento delle materie plastiche nell’industria

I materiali polimerici vengono oramai utilizzati in moltissimi ambiti industriali. Questi materiali fondono a temperature relativamente basse e perciò, al contrario dei metalli, sono facili da manipolare e richiedono un’energia di processo inferiore.

Le proprietà dei componenti in plastica sono però molto influenzate dal metodo di produzione e dai parametri di processo.

Per ottenere pezzi di buona qualità è essenziale il controllo adeguato di tutti i parametri di produzione. Le materie plastiche sono di solito inviate agli impianti produttivi sotto forma di granuli o polveri e vengono fuse appena prima della formatura.

Stampaggio a iniezione delle materie plastiche

La tecnologia più diffusa per realizzare componenti plastici è lo stampaggio ad iniezione: i granuli vengono introdotti in un cilindro riscaldato e portati a fusione, il materiale fuso viene poi fatto fluire all’Interno di uno stampo diviso a metà grazie a un pistone idraulico o alla vite di un estrusore.

Le pressioni massime che si raggiungono alla fine della fase di iniezione sono solitamente comprese tra i 70 e i 200 MPa.
Quando il pezzo è sufficientemente freddo viene estratto grazie agli estrattori, piccoli pistoni che permettono di staccare l’elemento dallo stampo.

Con questo processo si ottengono forme complesse e con una buona accuratezza dimensionale grazie al fatto che il materiale viene iniettato allo stato fuso.

Tuttavia, analogamente a quanto avviene nei processi di colata dei materiali metallici, durante il raffreddamento il pezzo ritira all’interno della cavità.

impianto per lo stampaggio

Fig.1: Esempio di impianto per lo stampaggio – Fonte: https://tecmatied.wordpress.com/category/tecnologie/stampaggio-ad-iniezione/

Le materie plastiche hanno un coefficiente di dilatazione termica maggiore di quello dei metalli e per questo motivo i valori del ritiro sono più significativi. Per le materie plastiche il ritiro lineare varia tra 0.005 e 0.025 mm/mm, mentre quello volumetrico tra 1.5 e il 7%.

Nello stampaggio ad iniezione il ritiro del materiale mentre questo è ancora in fase liquida viene compensato mantenendolo in pressione fino a quando non si solidifica il punto di iniezione. In questo modo infatti, man mano che il materiale liquido si ritira, altra plastica viene iniettata per compensare la riduzione di dimensioni.

Il ritiro che il materiale presenta in fase solida invece è compensato sovradimensionato le cavità. In fase di progettazione dello stampo si tiene già conto che il materiale solidificandosi sarà di dimensioni minori rispetto alla cavità, perciò quest’ultima è sovradimensionata in modo da ottenere, dopo il ritiro, un pezzo con le dimensioni desiderate.

Stampaggio a iniezione e prodotti Stubbe

Lo stampaggio ad iniezione viene per esempio usato per realizzare la valvola a sfera senza zone morte C10: il corpo viene direttamente stampato attorno alla sfera. Questo garantisce che la sfera non possa uscire neanche smontando le ghiere e che stringendo quest’ultime non si applichi nessuna forza sulla sfera.

Inoltre grazie allo stampaggio del corpo intorno alla sfera non ci sono zone morte e quindi i fluidi non possono ristagnare danneggiando la sfera. Sfera e albero sono poi stampati insieme e questo garantisce un’elevata resistenza alla torsione e quindi una lunga durata.

Altri casi nei quali lo stampaggio ad iniezione porta ad ottenere componenti ad alta prestazione sono le flange e le pompe monoblocco.

Nel primo caso infatti è possibile stampare le flange senza saldature, ottenendo così prodotti più robusti e più resistenti agli agenti corrosivi.

Nel caso delle pompe il corpo può essere realizzato per stampaggio ad iniezione, oppure dal pieno quando è necessario sfruttare al 100% le caratteristiche chimiche e termoplastiche del materiale lavorato.

Leggi di più...

Orlandi&Orlandi e valvole ASV Stubbe

valvole a sfera pvc per impianto stampa di circuiti elettrici

L’azienda costruisce macchine per circuiti stampati personalizzate e destinate a durare nel tempo

Orlandi&Orlandi è una azienda familiare che in provincia di Como, a Turate, produce macchine per circuiti stampati. Oltre 40 anni fa, il signor Ivano ha incominciato l’attività realizzando grosse vasche in plastica per galvanica.

Leggi di più...

Trattamento acque reflue nel tessile: il progetto Wasatex e le valvole ASV

Impianto tessile ecologico croazia Osijek

Il sistema, applicato per la prima volta a un impianto in Croazia, depura fino al 90% delle acque reflue per riutilizzarle nel ciclo di produzione industriale

Leggi di più...

C16: i vantaggi di una valvola senza zone morte

La  valvola a sfera C16 è caratterizzata dal fatto di non avere zone morte. Diversamente dalle valvole standard, la C16 offre una sezione di apertura del 100%, con un’area di passaggio del fluido di processo totalmente libera.

Leggi di più...

La regolazione di portata tramite
valvole di controllo e valvole di regolazione

Le valvole di regolazione e le valvole di controllo, componenti indispensabili in ogni genere di impianto, sono schematicamente costituite da tre parti principali: il corpo della valvola, che esercita l’azione di contenimento del fluido di processo, le parti interne o trim, che esercitano l’azione di regolazione del fluido di processo e il gruppo di azionamento, che esercita l’azione motrice della valvola.

Valvola manuale

Il corpo di una valvola è il componente attraverso il quale passa il fluido di processo e nel quale sono alloggiate le parti interne.

Leggi di più...